Ascesso Dentale

Ascesso Dentale sintomi, rimedi e terapia

L’ Ascesso Dentale è un problema molto diffuso, consiste in  una complicazione dell’infezione e dell’infiammazione della polpa del dente provocata dalla carie, in questa zona ben localizzata (la polpa) avviene la morte del tessuto con la  conseguente formazione di una cavità contenente della sostanza purulenta.

ascesso dentale

Anche praticando una leggera pressione sul dente si avverte un dolore acuto, s’innalza anche la sensibilità al calore, una volta che l’infiammazione si estende comparirà dolore violento,ingrossamento dei linfonodi a livello locale, naturalmente si avrà gonfiore e in alcuni casi comparirà anche febbre.

In caso di ascesso dentale come terapia è fondamentale la somministrazione dell’antibiotico che vi sarà prescritto dal vostro specialista.

L’ascesso è di fatto un’infezione, si distingue in ascesso pariapicale e ascesso paradontale i sintomi  sono:

  • dolore,
  • gonfiore,
  • impossibilità  a masticare,
  • sensibilità dentale,
  • cattivo sapore,
  • alcune volte può esserci la comparsa di febbre.

L’ascesso dentale può  regredire, in maniera spontanea o dopo l’assunzione di antibiotici, ma può guarire solo con l’intervento del dentista.

Alcune volte ricordiamo che  il trattamento di un ascesso dentario  può essere lungo e fastidioso, soprattutto sè il dente possiede diverse radici.

OFFERTE ONLINE !!!!!

Sintomi cause e dolore ascesso dentale

ascessoL’ascesso dentale si verifica quando vi è un accumulo di sostanza infetta, quindi è un’infezione determinata dalle complicanze della carie.

I sintomi come detto prima dell’ascesso dentale sono : mal di denti, (abbastanza intenso), gonfiore, molta sensibilità dei denti, irritazione delle gengive, ci può essere anche la comparsa di febbre.

La causa principale dell’ascesso è l’infezione da batteri, altre cause eziologiche sono quelle fisiche e biologiche.

L’ascesso dentale quindi  provoca un dolore abbastanza intenso e continuato è proprio questo il sintomo principale. Quando abbiamo un’ascesso dentale conviene rivolgerci subito al nostro dentista di fiducia, che dopo vari controlli ripristinerà le condizioni normali dei denti eliminando le cause, quindi l’infezione che ha scatenato l’ascesso.

Per prevenire l’ascesso dentale è opportuno fare visite di controllo dal dentista periodiche e curare l’igiene orale quotidiana sia quella professionale, ossia rimozione della placca, del tartaro, ecc.

Ricordiamo che i denti sono molto importanti per la salute della persona, una dentatura sana ci fa masticare meglio e quindi tritare meglio gli alimenti, inoltre vi è un fattore estetico non indifferente.

Le Principali cause che portano all’ Ascesso Dentale:

La carie è la causa più comune che porta alla formazione di un ascesso dentale, altre cause che possono dare vita ad un fastidiosissimo ascesso sono la presenza di un dente rotto, oppure infezioni delle gengive, ancora cattiva igiene orale, alimentazione sbagliata, gengiviti , ecc..

ascesso123

Quando si soffre di questo disturbo è opportuno capire quali sono le cause scatenanti per un trattamento più mirato.

Alcune domande comuni sull’ ascesso dentale:

1

  • L’ infezione da Ascesso Dentale quanto dura?

    Diciamo che la tempistica di questa infezione è molto variabile, se trattata con antibiotici generalmente la durata è di circa 7 giorni. In ogni caso occorre sentire il dentista e seguire i suoi consigli e trattamenti.  Bisogna poi valutare la causa dell’ascesso , perchè anche se curato se non si cura ” la causa ” se per esempio è dovuto ad una carie o ad una frattura del dente,  può essere scatenato ancora.

  • Ci può essere un ascesso senza dolore?

    Generalmente l’ascesso di presenza con gonfiore e dolore, il dolore può essere lieve ( quasi un fastidio ) o acuto.

  • Ascesso su dente devitalizzato o incapsulato è possibile?

    Si, l’ascesso può comparire anche sui denti devitalizzati o incapsulati, in questo caso il dentista deve valutare se la causa scatenante  può ricondursi ad una terapia canalare ( devitalizzazione ), o ricostruzione fatta male, o infezione sotto capsula, ecc.  Una volta capite le cause si procede con il trattamento.

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento