Cosa sono gli Intarsi

Cosa sono gli intarsi dentali in ceramica o porcellana, come si preparano e a cosa servono. 

L’intarsio è praticamente un’otturazione preparata fuori dalla bocca. Quando si ha una carie molto estesaintarsi dentali può non rimanere una struttura sufficiente per una normale otturazione quindi sarà necessario procedere con la preparazione di un intarsio.

Il dentista dopo aver rimosso totalmente la carie, procederà col prendere un’impronta di cera del dente da otturare, manderà l’impronta in laboratorio dove verrà creato questo intarsio.

Quindi il dentista ne controllerà l’aderenza, la incastrerà in modo che non ci siano spazi vuoti lo cementerà e infine controllerà l’occlusione della bocca usando sempre la carta articolata che come abbiamo spiegato precedentemente.

Questa serve per colorare le parti del dente da modellare per far incastrare perfettamente i due denti durante l’occlusione. Infine questo intarsio verrà lucidato.

OFFERTE ONLINE !!!!

Come si prepara un intarsio dentale

Si comincia principalmente prendendo il calco in gesso dell’impronta in cera, poi si versa cera calda nel calco per realizzare il modello perfetto della cavità e per ultimo si prepara una colata in oro (o negli altri materiali che si decide di usare), del modello in cera, quando il materiale usato o l’oro si sarà solidificato e raffreddato si luciderà e si applicherà nel dente del paziente che nel frattempo avrà un’otturazione provvisoria.

Intarsio dentale che copre il dente e la superficie occlusale

intarsio12

L’intarsio viene usato per coprire i buchi che lasciano le carie, vengono preparati fuori dalla bocca e poi inseriti nel dente.

Quindi il dentista dapprima trapana il dente, poi fa un impronta della cavità quindi preparerà l’intarsio, o lo manderà in qualche laboratorio per farlo preparare, dopodichè si assicurerà che l’intarsio combaci perfettamente, dopo lo cementerà in modo permanente, poi luciderà la superficie.

Quando l’intarsio deve coprire tutta la superficie occlusale questo viene cementato “in situ”. La differenza dell’intarsi normali rispetto all’intarsi che coprono tutta la superficie occlusale è che questi ultimi si estendono sulle cuspidi della faccia occlusale ossia quella masticatoria.

Diciamo che l’intarsio normale viene usato quando la superficie da coprire è poco estesa, quando è molto estesa si usa l’altro tipo di intarsio, a volte viene usata aintarsio cosa servenche la capsula dentale.

La capsula dentale viene impiegata quando un dente è colpito da una carie estesa che danneggia molto il dente, oppure la capsula viene usata anche per coprire un dente rotto o scheggiato.

La capsula o corona diventa parte integrante della bocca, generalmente non da problemi, dona ai denti una morfologia e un contorno molto naturale e funzionale.

Se il dente è molto rovinato occorre inserire la corona a perno, dove la corona viene inserita in un perno di metallo. Quindi il dente a perno o corona a perno è costituito da una corona e da uno o più perni dove questa viene impiantata.

Intarsi Dentali in ceramica o porcellana

Possiamo definire l’intarsio come una otturazione dentale che viene preparata esternamente per poi intarsi dentiessere inserita e cementata nel dente.

Quindi dapprima il dentista rimuoverà  completamente la carie e tutta  l’infezione, dopodichè prenderà l’impronta del buco nel dente, attraverso la quale poi procederà a creare l’intarsio.

L’intarsio dentale è quindi un restauro dei denti , il materiale utilizzato per l’intarsio di solito è la ceramica ma ci sono anche altri compositi.

Gli intarsi sono usati generalmente per i denti posteriori, quindi premolari e molari.

Prima si usavano tantissimo gli intarsi in oro, oggi per motivi estetici viene usata molto di più la ceramica che è anche più duratura ed è estremamente biocompatibile.

Rispetto ad un’otturazione normale, il dente restaurato con intarsio risulta molto più duraturo con risultati estetici davvero ottimi. Gli intarsi sono particolarmente indicati per sostituire vecchie otturazioni in amalgama che sono  rovinate o sostituite.

Intarsi ai denti cosa sono e a cosa servono

Quando una carie porta molto danno al dente, ossia quando è molto estesa, si procede con la cura e quindi con un intarsio. La carie è una malattia multifattoriale che porta alla distruzione e corrosione del dente, tra  i sintomi di questo problema troviamo dolore ai denti, cattivo sapore, ecc.

Ci sono vari tipi di carie, quella che colpisce le superfici liscie, quella che colpisce il colletto delle gengive, la carie della radice, ecc.

intarsi dentali2jpgQuando ci rechiamo dal dentista per curare la carie, questo dapprima localizzerà il punto esatto dove questa si trova, poi trapanerà la parte cariata, rimuoverà tutto il materiale cariato e procederà a riempire la parte cariata, come dicevamo prima quando questa è molto estesa allora si utilizzeranno gli intarsi per coprire il dente.

Quindi il dentista preparerà l’intarsio che poi posizionerà sulla cavità, ci sono degli intarsi poi che coprono  la superficie occlusale, questo quando il dente è molto corroso e danneggiato. Il tipo di materiale per coprire un dente dipende da tanti fattori, ossia dipende dalla posizione del dente, dalla parte cariata, ecc.

Quindi  per concludere diciamo che gli intarsi si preparano in laboratorio e poi vengono cementate sul dente per coprire la cavità lasciata dalla carie.

Generalmente vengono utilizzati compositi o ceramica e sono molto comuni  per molari e premolari.

Il fine ultimo degli intarsi oltre che quello di otturare il dente e rinforzarlo è quello di ricostruire la parte mancante del dente ricostruendo l’anatomia stessa del dente come quando era sano.  Ricordiamo che per prevenire la carie occorre avere una buona e corretta igiene orale e recarsi dal dentista per visite di controllo.

Lascia un commento